A ottobre 2015 Amazon, il più grande marketplace del mondo, ha inaugurato il negozio Made in Italy, iniziando dai prodotti delle PMI toscane. In tre anni il progetto si è ampliato e oggi la sezione ospita i produttori di: Sicilia, Piemonte, Calabria, Campania, Firenze e Toscana, Bergamo, Vicenza e dintorni.
Attualmente sta raccogliendo le manifestazione d’interesse per la nuova sezione dedicata all’Emilia-Romagna.
Il colosso delle vendite on-line ha come obiettivo il rilancio di un settore dalle potenzialità illimitate, per storia e tradizioni, ma alle prese con limiti dimensionali che la rete può abbattere.
È un’occasione di sviluppo commerciale importante per tante piccole imprese del made in Italy, che grazie ad Amazon possono accedere a una piattaforma capace di servire 19,5 milioni di clienti al giorno in tutto il mondo ed entrare nel commercio elettronico, che oggi vale il 7,4% del mercato mondiale della vendita al dettaglio.
Il cliente può curiosare nelle “botteghe” delle eccellenze italiane divise non solo per località, ma anche per categorie merceologiche: arredamento, abbigliamento, oreficeria, calzature, ceramiche, cartoleria, borse, prodotti per l’infanzia. Potrà inoltre navigare tra le eccellenze alimentari italiane della “selezione gourmet” e della “selezione vini e bevande”.

Fino al 31 dicembre l’iscrizione alla piattaforma del Made in Italy sarà gratuita e le imprese pagheranno una solo una commissione sulle vendite.
Il vero investimento per le imprese deve essere quello relativo alla creazione del catalogo con foto e descrizioni dei prodotti adeguati. Descrizioni che devono essere fatte anche in lingua straniera, considerato che i prodotti vengono pubblicati anche sui portali di Regno Unito, Germania, Francia, Usa e Giappone.
Amazon offrirà agli artigiani un percorso formativo di tre seminari gratuiti per illustrare come realizzare un catalogo digitale e come usare l’interfaccia digitale.

Requisiti necessari
Produzione realizzata al 100% sul territorio italiano.
Produzione artigianale, cioè almeno una parte della lavorazione dovrà avvenire manualmente.
Numero massimo di 20 dipendenti.
Per poter realizzare al meglio la propria vetrina serviranno: fotografie dei propri prodotti (min 1, max 8 per ciascun prodotto, di cui una obbligatoriamente con sfondo bianco).
Traduzione dei contenuti editoriali (titolo, descrizione e caratteristiche del prodotto) in inglese, tedesco, francese, spagnolo e giapponese.

Costi
Per i primi 6 mesi il costo dell’iscrizione è pari a 0 e si dovrà versare ad Amazon solo una commissione del 15% (20% in caso di gioielli) sulla eventuale vendita effettuata. Dopo tale periodo di prova si potrà anche chiudere l’account senza costo alcuno. Se si deciderà invece di mantenere la vetrina il costo sarà di 39 euro al mese più le suddette commissioni sulla vendita.

Confartigianato fornisce assistenza in tutte le fasi del processo di realizzazione e pubblicazione della vetrina. Chiunque sia interessato a partecipare all’iniziativa può contattare i nostri uffici ai numeri 0521 219267 – 219234.

Altre notizie