13 Ottobre 2022

Apriamo questo articolo con una riflessione: il fare impresa è sempre meno una questione di scelte individuali ed è sempre più una questione d’interesse della collettività nazionale prima ed europea poi.

Si coglie questa tendenza andando a leggere la direttiva europea n. 1023 del 2019 la quale richiede agli Stati membri di introdurre strumenti capaci di prevenire la crisi e, se ciò non è possibile, di individuare procedure adeguate per l’uscita dal tessuto produttivo delle imprese in default.

Il d. lgs. 14/2019, che recependo la direttiva europea introduce il Codice della Crisi in Italia, impone un cambio di mentalità a tutti gli imprenditori, ai quali è richiesto di prevedere l’andamento della propria attività nei mesi futuri e valutare le criticità che possono impedire il raggiungimento di un risultato adeguato o compromettere la continuità della propria azienda.

Occorre per tutti, insomma, una gestione consapevole della propria impresa, una educazione finanziaria, che si basa su strumenti capaci di cogliere tempestivamente gli indizi della crisi.

Sarà nostro impegno quindi riprendere l’argomento sia attraverso le newsletter che mediante altri canali.

Categories: Fiscale

Altre notizie