• Home
  • -
  • Apertura
  • -
  • Innovazione tecnologica digitale: in arrivo contributi a fondo perduto
4 Giugno 2024

Fondi della Camera di Commercio dell’Emilia per le mpmi

Il bando sostiene lo sviluppo delle tecnologie e delle competenze I4.0

La Camera di commercio promuove, tramite l’erogazione di contributi a fondo perduto, la crescita del livello di digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese (Mpmi) del territorio, in particolare sostenendo lo sviluppo delle tecnologie e delle competenze I4.0 .

L’obiettivo del bando è quello di sviluppare la capacità di collaborazione tra MPMI e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di modelli di business 4.0. In secondo luogo l’intento è di promuovere l’utilizzo, da parte delle MPMI, di servizi o soluzioni focalizzati sulle competenze e tecnologie digitali 4.0, in attuazione della strategia definita dal Piano Transizione 4.0.

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa iscritte e attive nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio dell’Emilia

Il contributo a fondo perduto è pari al 50% delle spese sostenute, documentate e ammissibili, al netto di Iva, fino a un importo massimo complessivo d  10.000 euro, oltre l’eventuale premialità di  250 relativa al rating di legalità. L’investimento minimo finanziabile è di  5.000 euro.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE (dal 25 giugno al 10 settembre)

Le richieste di contributo dovranno essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, firmate digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dalle  10 del 25 giugno 2024 alle 16 del 10 settembre 2024.

INTERVENTI FINANZIABILI
Il bando finanzia interventi di innovazione tecnologica digitale di singole imprese, che potranno realizzarsi sia attraverso l’acquisizione di servizi di consulenza, formazione che l’acquisto di beni strumentali materiali e immateriali, con riferimento ad almeno una delle seguenti tecnologie:

a) robotica avanzata e collaborativa;
b) interfaccia uomo-macchina;
c) manifattura additiva e stampa 3D;
d) prototipazione rapida;
e) internet delle cose (IoT) e delle macchine;
f) cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing;
g) soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);
h) big data e analytics;
i) intelligenza artificiale;
j) blockchain;
k) soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D), tecnologie per l’in-store customer experience;
l) simulazione e sistemi cyberfisici;
m) integrazione verticale e orizzontale;
n) soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
o) soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES,PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
p) sistemi di e-commerce
q) sistemi EDI, electronic data interchange.

SPESE AMMISSIBILI
Sono finanziabili (al netto di Iva e di altre imposte, tasse e diritti) le seguenti spese riconducibili agli interventi previsti dal bando e precisamente:
a) servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste dal Bando e erogati da fornitori che presentino le caratteristiche previste dal bando. La consulenza deve essere finalizzata ad introdurre concretamente la tecnologia in azienda. La formazione non può avere esclusivamente per oggetto le specifiche tecniche dei beni strumentali acquistati;

b) acquisto di beni strumentali materiali e immateriali inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’introduzione delle tecnologie abilitanti descritte alla voce Interventi finanziabili. Si considerano costi ammissibili anche le licenze d’uso e i canoni riferibili al periodo di ammissibilità delle spese.

Le spese dovranno essere interamente sostenute (fatturate e pagate) a partire dal 1° maggio 2024 ed entro il 30 aprile 2025.

Info: Gianluigi Pellegrini, ufficio Credito, tel. 0521 219277; servizifinanziari@aplaparma.it

Altre notizie