• Home
  • -
  • Comunicati
  • -
  • Parma 2020, il progetto di Confartigianato in collaborazione con Arcadia

Il Comune di Parma ha accolto il progetto ideato da Confartigianato e dall’associazione Arcadia “Una narrazione della città attraverso luoghi ed esperienze”, che rientrerà quindi nel calendario ufficiale Parma capitale della Cultura italiana 2020.

Ciò che sarà proposto ai visitatori sono una serie di esperienze creative, sperimentazioni di attività che possano vivere in prima persona con l’obiettivo di contribuire a far sì che Parma resti nella memoria, perché spesso il vero viaggio è proprio ciò che si è vissuto. Significa, in definitiva, investire sulle emozioni e soprattutto sulle relazioni che portano spesso a un ritorno e a un efficace passaparola.

Il turista oggi richiede sempre più un percorso che lo conduca attraverso luoghi ed esperienze dirette: visitare siti storici artistici è fondamentale, ma è altrettanto importante cimentarsi in percorsi fuori dall’usuale, alla scoperta di borghi, spiando i giardini ed entrando in laboratori di artigiani pronti a svelare segreti e a insegnare le tecniche di produzione.

Anche la comunità locale, oggi variegata e multietnica, avrà l’opportunità di approfondire la conoscenza della propria città.

Saranno organizzate visite guidate, laboratori, seminari sul confronto dei lavori di ieri e di oggi e workshop per illustrare come i mestieri siano mutati alla luce delle nuove tecnologie meccaniche e digitali. Si evidenzierà l’importanza di mantenere la memoria storica delle arti più antiche e di conoscere la loro evoluzione, con uno sguardo al futuro affinché la progettualità di qualunque lavoro tenga in considerazione il valore della bellezza e della capacità creativa, quanto il rispetto delle persone e dell’ambiente in cui viviamo.

Tra i partner anche il Museo Glauco Lombardi (che applicherà uno sconto del 50% sull’ingresso ai partecipanti al progetto) e ArtQuick (partner di Confartigianato nell’organizzazione di eventi nazionali) che promuoverà, durante Parma 2020, incoming verso la nostra città.

I laboratori e le attività

Le prime attività inizieranno a settembre e saranno numerose. Il progetto si sviluppa sia in città che in diversi luoghi della provincia (Castelli del Ducato, Museo Guatelli, laboratori artigiani) permettendo così ai visitatori di avere un quadro più completo di conoscenza del territorio. Gli artigiani, alcuni “Maestri d’opera ed esperienza”, collaboreranno con le guide turistiche per organizzare visite e dimostrazioni ai laboratori e con Arcadia,che vanta ventisei anni di attività di accoglienza per gruppi scolastici e non e nell’organizzazione di workshop con numerose attività artigianali antiche)

Fra i laboratori, l’insegnamento di numerose tecniche:  dall’affresco secondo tecnica antica a base argilla con sabbia e calce spenta e dipinta con pigmenti al bassorilievo dello Zooforo e dei Mesi antelamici del Battistero di Parma. Inoltre: linoleografia e stampa su torchio, tessitura, carta a mano (produzione di carta a mano iniziata a Parma nel 1266), mosaico con tesserine di terracotta (con riferimento ai pavimenti del Duomo di Parma), miniatura e doratura su pergamena, costruzione di libri, corso di costruzione di burattini per le scuole dell’infanzia e prime elementari. Particolare importanza avrà l’insegnamento del Punto Parma con esposizione di alcuni antichi ricami e consegna di libretto esplicativo della tecnica.

 

Altre notizie