In arrivo 25 milioni di euro di incentivi per il rinnovo e l’adeguamento del parco mezzi. È stato infatti pubblicato il decreto investimenti 2019 del Mit che dà il via libera alla presentazione delle domande per accedere agli incentivi per il rinnovo e l’adeguamento del parco veicolare. Fino al 31 marzo 2020, sarà possibile presentare istanza che avrà validità di prenotazione finalizzata ad accantonare l’importo destinato alle singole imprese di autotrasporto di cose per conto terzi richiedenti.

Due le modalità d’invio delle domande: fino al 12 dicembre 2019 esclusivamente attraverso posta elettronica certificata (pec), dal 16 dicembre fino al 31 gennaio 2020 le istanze potranno essere presentate esclusivamente tramite piattaforma informatica messa a disposizione come indicato nel bando.

Via pec dovranno essere allegati: il modello di istanza debitamente compilato e firmato digitalmente; il documento di riconoscimento del legale rappresentante; il contratto di acquisizione dei beni oggetto d’incentivazione, comprovante quanto dichiarato nel modello di istanza, avente data successiva a quella di entrata in vigore del DM n.336 del 22 Luglio 2019.

Chi ha presentato istanza a mezzo PEC ha inoltre l’onere di confermare, tramite la piattaforma informatica, la domanda precedentemente inviata ai fini del suo perfezionamento a partire dal 16 dicembre 2019 ed entro e non oltre le ore 16 del 31 gennaio 2020.

Il decreto finanzia le acquisizioni, anche mediante locazione finanziaria, di automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa per complessivi 9,5 milioni di euro con un contributo di:

4.000 € per ogni veicolo CNG e a motorizzazione ibrida (diesel/ elettrico).

10.000 € per ogni veicolo elettrico di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5t e fino alle 7t.

20.000 € per ogni veicolo elettrico superiore a 7t.

8.000 € per ogni veicolo a trazione alternativa ibrida (diesel/ elettrico) e a metano CNG di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 7t fino alle 16t.

20.000 € per ogni veicolo a trazione alternativa a gas naturale liquefatto LNG e CNG ovvero a motorizzazione ibrida (diesel/elettrico) di massa pari o superiore a 16t.

40% dei costi ammissibili, con un tetto massimo di € 1.000 comprensivi del dispositivo e dell’allestimento, per dispositivi idonei ad operare la riconversione di autoveicoli di massa complessiva pari a 3,5 ton, per il trasporto di merci come veicoli elettrici.

I finanziamenti riguardano anche la radiazione per rottamazione con contestuale acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica conformi alla normativa anti-inquinamento euro VI e veicoli commerciali leggeri euro 6 D TEMP, per complessivi 9 milioni di euro, con contributo di:

2.000 €  per ogni veicolo commerciale leggero pari o superiore a 3,5t e inferiore a 7t.

5.000 € per ogni veicolo di massa complessiva a pieno carico da 7t a 16t.

12.000 € per ogni veicolo di massa complessiva a pieno carico superiore a 16t.

Sono inoltre finanziabili le acquisizioni, anche mediante locazione finanziaria, di rimorchi e semirimorchi nuovi di fabbrica per il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5, per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave rispondenti alla normativa IMO, dotati di almeno un dispositivo innovativo come indicato nell’allegato 1 del decreto; rimorchi, semirimorchi o equipaggiamenti per autoveicoli specifici superiori alle 7t allestiti per il trasporto ATP; le sostituzioni nei rimorchi, semirimorchi o autoveicoli specifici superiori alle 7t allestiti per il trasporto in regime ATP.

Le risorse complessivamente disponibili ammontano a 6 milioni di euro.

Importo del contributo:

20% del costo totale, per le piccole imprese, con un tetto massimo di 5.000 €.

10% del costo totale, per le medie imprese, con un tetto massimo di 5.000 €.

€ 1.500 per le altre imprese, come meglio specificato nel bando allegato.

Sono infine finanziabili le acquisizioni, anche mediante locazione finanziaria, di gruppi di 8 casse mobili ed 1 rimorchio o semirimorchio portacasse, come meglio specificato nel decreto allegato, per complessivi 0,5 milioni di euro, con contributo di € 8.500 per ciascun insieme.

I contributi sono maggiorati del 10% in caso di acquisizioni effettuate da piccole e medie imprese su specifica richiesta, secondo le modalità indicate nel decreto allegato.

Ogni singola impresa ha diritto di presentare una sola domanda e l’importo massimo ammissibile per gli investimenti non potrà superare 550.000 €.

Info: Davide Zanettini, tel. 0521 219289

 

Altre notizie